La Belva

La mattina devo aspettare mia madre per alzarmi dal letto. Io sono mattiniera, mia madre no, e in fondo ieri era domenica. Ho quindi pensato: beh guardo un film, ok provo a guardare LA BELVA (immaginate che io lo stia dicendo con voce profonda e grossa)

A volte i super eroi hanno un problema con il resto che li circonda. I super eroi a volte sembrano anti eroi perché eroi lo sono stati fin troppo, per questo ci piacciono, credo, perché sono (passatemi il termine) fottutamente umani. LA BELVA, film di Ludovico Di Martino uscito il 26 novembre su Netflix fa proprio questo: ci presenta un super eroe che sin dalle prime scene è solo uomo sudato, con qualche cicatrice, sotto psicofarmaci ma che promette bene. LA BELVA (voce grossa e profonda) si chiama Leonida Riva ed è interpretato da Fabrizio Gifuni. Non si chiama Mario Rossi, si chiama LEONIDA e il mio pensiero va subito a lui: Leonida I, re di Sparta che sapeva di essere un re non tanto per una questione di sangue ma perché consapevole di essere più capace, più preparato ed eroico di tutti gli altri. Il nostro Leonida all’inizio non lo sa, di essere più forte di altri, è un ex capitano delle forze speciali, sa solo di essere più distrutto di altri, troppo distrutto per essere padre o marito, forse neanche troppo certo di essere ancora un essere umano.

Leonida ha due figli: un maschio adolescente molto arrabbiato, un po’ perché anche l’adolescenza a volte è una belva, un po’ perché un adolescente risulta funzionale alla storia facendogli commettere una grande minchiata e un po’ perché pensa “eh papà io ti vedo ma non ci sei”. L’altra figlia di 6 anni invece adora Leonida, perché papà è papà, soprattutto a 6 anni e un po’ perché pensa: “eh papà io ti vedo anche se non ci sei”.

Teresa, la figlia, viene rapita e Leonida ritorna in guerra, ma è una guerra su due fronti: contro chi ha rapito la figlia e contro i propri traumi. Quindi fa il super eroe, combatte, si ricuce da solo le ferite da solo mentre noi comuni mortali a stento riusciamo a toglierci una spina dal dito con un ago accuratamente disinfettato. Leonida corre, si abbrancica alle auto e qui mi complimenterei per gli effetti sonori. Voi direte perché? Che c’entra? C’entra perché la musica extra-diegetica a volte mi confonde durante le scene di azione, invece in LA BELVA si può sentire solo l’aria sferzata dal pugno o dal calcio, tutto in maniera molto chiara e fortemente onomatopeica. Con lievi rallentamenti dell’azione che mi hanno fatto un po’ sentire in Matrix.

Una cosa che ho molto apprezzato inaspettatamente è stata la gestione del rapporto padre e figlio, che da cornice diventa quadro. Il figlio capirà il padre perché si ritroverà inondato da quegli stessi sentimenti che hanno portato Leonida ad estraniarsi dal mondo (se deciderete di vederlo scoprirete il perché)

Gli action movie non mi fanno particolarmente impazzire, però dopo la battuta finale di Leonida ho pensato: “voglio il sequel”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...